Ardelio Mucci
Erba d’Arno, 01-07-2020, ––
Di Ardelio Mucci, Piccole memorie in una stanza (Polistampa. € 25,00). Un catalogo dove largo spazio prende un’interessante autobiografia. Il giovane Ardelio nasce vicino a Marliana nel pistoiese. E a Marliana rimane tutt’oggi, nonostante le occupazioni: a Montecatini, prima, come giovane pulitore di macchine olivetti,
poi, dopo l’incontro con un tale Roberto pittore, come assistente di disegno all’Istituto d’Arte di Lucca, e poi a Firenze a Porta Romana, e poi all’Accademia delle Belle Arti, qui ad apprendere dal maestro Gustavo Giulietti. Interessante questo scritto, perché è anche un limpido racconto di formazione.
I contributi critici del catalogo sono affidati a Nicola Miceli e a Giuseppe Nicoletti. Una cosa tutta sua, con corredo d’immagini non del Mucci ma degli storici artisti del Sette-Ottocento, all’amico marlianese, la regala Roberto Giovannelli: lui il Roberto “l’amico pittore” di cui sopra.
Ardelio Mucci
Piccole memorie in una stanza