«Davide Astori, ci sono storie che...». Firenze si scopre unita per sempre
La Nazione, 25-04-2018, Paolo Chirichigno
I giornalisti Lancisi e Mancini hanno ripercorso la tragedia

Davide Astori era e resta uno di noi. Per questo il bel volume che i colleghi Mario Lancisi e Marcello Mancini gli hanno voluto dedicare dovrebbe entrare di diritto in tutte le case degli appassionati viola. «Davide Astori, ci sono storie che...» (Edizioni Polistamp) con la prefazione del sindaco di Firenze Dario Nardella e in appendice un intervento del cardiologo Paolo Pieragnoli, tratteggia
di pancia e di sentimento una tragedia che ha segnato la storia della città e della sua squadra per sempre. Dal 4 marzo, Firenze ha vissuto in diretta la scomparsa di un ragazzo di 31 anni che prima di altri aveva capito e si era innamorato dello spirito di questa città. Davide aveva deciso di restare fiorentino per sempre, insieme alla compagna Francesca e alla figlia Vittoria. Questo libro è la narrazione di un lutto che continua ancora
oggi, una storia capace di unire Firenze. Momenti in cui perfino le antiche rivalità perdono di significato, e uomini diversi fra loro si scoprono fratelli. Astori resta nel cuore di tutti: lo testimoniano le parole dei compagni di squadra, la folla riunita in piazza Santa Croce il giorno del funerale, rappresentata anche da tante immagini di volti commossi delle gente comune. Davide Astori per sempre con noi: non è un modo di dire.
Davide Astori
Ci sono storie che…