Il vino? Non solo da bere. In un libro il patrimonio toscano
Il Giornale della Toscana, 18-12-2007, ––
Il vino? C’è solo chi lo beve solamente, e chi lo studia anche. E quanta storia c’è in ogni calice. Per averne un’fidea, basta avere tra le mani la Storia regionale della vite e del vino in Italia. Toscana curato da Paolo Nanni, già coordinatore del Comitato scientifico della Storia dell’agricoltura italiana edita in cinque volumi nel 2002. Organizzato in 5 capitoli – con le prefazioni di Antonio Calò e Franco Scaramuzzi – il ponderoso volume si pone come summa della cultura enologica della regione, ma anche come punto di partenza per un più approfondito e aggiornato dibattito. Da segnalare che il libro fa parte del monumentale progetto con cui l’Accademia Italiana della Vite e del Vino intende dar conto del patrimonio vitivinicolo dell’intera penisola. Dopo le uscite su Veneto, Piemonte e Sardegna è ora la volta della Toscana, con
un ’opera partorita dall’impegno di oltre trenta specialisti di diverse discipline (tra cui il Rettore Augusto Marinelli, la soprintendente Cristina Acidini, Zeffiro Ciuffoletti, Francesco Gurrieri, Stefano Barzagli e Donatella Cinelli Colombini) sotto la direzione dell’Accademia dei Georgofili, la supervisione del professor Franco Scaramuzzi e la cura del professor Paolo Nanni. «La vitivinicoltura toscana – spiega il curatore- è ancora in movimento, caratterizzata da continue trasformazioni. Eppure, di fronte a queste recenti sfide è proprio il legame con la storia, l’arte, l’ambiente che costituisce un vantaggio competitivo per ogni bottiglia dei nostri vini». Tirata in 2000 esemplari numerati a mano, l’opera non ha precedenti per vastità e profondità di analisi, spaziando dalla storia alla cultura alle tecniche alle tecnologie della vite
e del vino, fino alla nuova architettura delle cantine. Ampio il quadro storico illustrato, dall’età etrusco-romana ai giorni nostri, con particolare attenzione allo scenario attuale, quello delineatosi negli ultimi cinquant’anni. Nonostante l’estremo vigore con cui presenta, il volume si rivolge anche al grande pubblico, agli appassionati della cultura enologica in tutti i suoi aspetti. Il ricco apparato iconografico, interamente a colori, è stato in buona parte realizzato per l’occasione e costituisce un elemento di arricchimento dell’opera. Comprende infatti sia illustrazioni al testo sia un’appendice di 131 immagini, che documentano aspetti tipici fino alla prima metà del Novecento, la persistenza di una viticoltura ancora legata a sistemi tradizionali, il passaggio verso nuovi impianti, alcune «cantine d’autore» e paesaggi attuali.
Storia regionale della vite e del vino in Italia
Toscana