Storia regionale della vite e del vino in Italia
Il Fuoco, 01-11-2007, Lorenzo Nannelli
Un libro che non esito a definire appassionante; tale sicuramente apparirà alla lettura dei non pochi cultori del settore vitivinicolo che lo avranno come riferimento e strumento indispensabile per la comprensione di un mondo tanto ricco di fascino. Realizzata dall’Accademia dei Georgofili e curata da Paolo Nanni, la presente ricerca è parte di un progetto più ampio e di livello nazionale avviato nel 1996 per iniziativa dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino.
Questo, dedicato alla Toscana, è il quarto, attesissimo volume ed offre un quadro generale di notevole completezza nel tentativo di affrontare, con l’ausilio di oltre trenta collaboratori, ogni aspetto di una storia antica ed un’esperienza tra le più aggiornate nel panorama mondiale. Cinque i capitoli: si apre con un quadro storico che dal vino denso e aromatico bevuto dagli etruschi arriva alle discussioni sul Chianti che hanno occupato gran parte dell’ottocento
e del novecento e prosegue con interventi dei massimi studiosi di ogni settore tra arte, letteratura, i rapporti tra vino e cucina, le tecniche colturali, le tecnologie enologiche fino ad arrivare al dibattito più attuale. Un approccio pluridisciplinare in una regione dove, come ci ricorda Nanni, “è proprio il legame delle produzioni con la storia, l’arte, l’ambiente, che costituisce un vantaggio competitivo per ogni bottiglia dei nostri vini”.
Storia regionale della vite e del vino in Italia
Toscana