I libri di Michele Brancale
Artèpress, 15-07-2008, ––
Firenze - Lunedì 14 luglio, alle ore 21, sulle terrazza della Biblioteca comunale di Rufina (Firenze), in via Piave 5, lo scrittore Luca Nannipieri e l’assessore Mauro Pinzani presenteranno le opere ’La Fontana d’acciaio’ e ’Soave e invecchiato" del poeta-giornalista Michele Brancale, nato a Sant’Arcangelo, in provincia di Potenza, nel 1966, che vive e lavora a Firenze. Ha da sempre affiancato la scrittura giornalistica a testi di poesia che fanno parte della collana Polistampa "Dalla Stanza" che pubblica, con cadenza trimestrale, una selezione di opere di poeti conteporanei sia italiani che stranieri. La lettura dei testi è a cura del Gruppo del Teatro di Rufina.
******
La fontana d’acciaio
"Avevo freddo sotto le coperte.
Sono sceso,
la caldaia era spenta.
Sono stato un po’ così, mi diverte
l’evidenza silenziosa: diventa
compagna discreta, ma non inerte,
della vita che ha bisogno, che stenta
a fermarsi e che per guardarsi vera,
si sveglia, sorride di quel che era."
“Una scrittura dove ogni ‘quadro’ possiede una tale potenzialità che al suo interno potrebbe essere nascosto un romanzo…
un convivio dell’umorismo con l’incertezza…
una base organizzativa che privilegia il senso simbolico della ricerca interiore… una combinazione innovatrice tra diverse risorse poetiche che cercano la rappresentazione del linguaggio come incantamento…”
(dalla prefazione di Isaac Goldemberg)*Soave e invecchiato
Il Natale, due bottiglie
di vino e il canto dell’amicizia ritrovata
Il racconto, vincitore del primo premio «Racconti Brevi 2006» del Circolo Dipendenti dell’Università degli Studi di Firenze, è ora pubblicato con i raffinati disegni del maestro orafo Paolo Penko che per la prima volta si cimenta nell’arte del libro illustrato. La storia, intrigante e colma di suspense, ha inizio con il ritrovamento di misteriosi segni lasciati sulle etichette di bordolesi in un supermercato e giunge alle porte della festa natalizia con la sorpresa di un incontro atteso e di uno inatteso. Finiranno per essere coinvolti, a diverso titolo, molti attori.Fin dall’inizio, Soave e invecchiato prende il lettore per mano e lo fa camminare per le strade di Firenze illuminate dal senso possibile dello stare insieme.
Soave e invecchiato