“Achtung! Banditen!”: il libro in Consiglio regionale
Consiglio della Regione Toscana, 13-06-2008, ––
Il volume di Massimo Biagioni racconta l’eccidio di Pievecchia a Pontassieve dell’8 giugno 1944 Firenze - Un libro che ricostruisce i fatti, fa parlare i documenti e le testimonianze raccolte e dà vita ad un racconto doloroso e tragico. Lunedì 16 giugno alle ore 12.00 nella saletta Montanelli a Palazzo Panciatichi (via Cavour 4) si tiene la conferenza stampa d presentazione del volume “Achtung! Banditen!” di Massimo Biagioni. Il volume si muove dall’eccidio dell’8 giugno 1944, a Pontassieve quando alcuni partigiani attraversano la frazione di Pievecchia e colpiscono un tedesco all’interno
di un pubblico esercizio. La bomba uccide anche un giovane del posto mentre un soldato, riuscito a fuggire, avverte le truppe tedesche. La rappresaglia scatta feroce, 13 innocenti vengono assassinati, case e pagliai bruciati, prigionieri trasferiti, donne e vecchi colpiti. “Il ricordo dei defunti –scrive Nencini nell’introduzione al volume- non viene lasciato alle sole lapidi. L’autore ne ricostruisce in breve la vita. Chi legge diventa persona e si riconosce attraverso storie singole abbozzate con linearità. Efficace anche la narrazione su quanto accade dopo la strage, le commemorazioni,
il ricordo inciso nella memoria di chi viene senza conoscere, senza sapere”. All’incontro con i giornalisti partecipano, oltre all’autore, il presidente del Consiglio regionale Riccardo Nencini; Marco Mairaghi, sindaco di Pontassieve; Alessandro Sarti, assessore alla Cultura del Comune Pontassieve; Ivano Tognarini, presidente dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e Mauro Pagliai, Polistampa editore. Tra le opere di Biagioni da ricordare “Il Sindaco galantuomo” (2002), “Scarpe rotte eppur bisogna andare” (2004) e “Nada. La ragazza di Bube” (2006).
Achtung! Banditen!
L’eccidio di Pievecchia a Pontassieve