Edizioni Polistampa | Firenze | Scheda Libro

Arte di governo, pubblica felicità e diritti umani

Polistampa, 2021

Pagine: 144

Caratteristiche: br.

Formato: 15x21

ISBN: 978-88-596-2224-6

Collana:

I Quaderni della Colombaria, 6

Settore:

DSU1 / Storia

SS1 / Politica

SS3 / Diritto

€ 12,35

€ 13 | Risparmio € 0,65 (5%)

Quantità:
Nel mezzo secolo che va dal 1749 al 1799 il mondo occidentale ha subìto trasformazioni più importanti che nei tempi anteriori. La prima data è quella del ‘testamento spirituale’ del Muratori, l’ultima simboleggia la fine dell’età ‘giacobina’. I tagli cronologici non sono netti, ovviamente, e mai s’escludono sopravvivenze o riprese, nonché osservazioni dirette a interpretare quanto successo prima; ma se ci si basa sulle pubblicazioni, sulla loro importanza e quantità, e le si considera specchio o emblema di eventi da analizzare e ricordare, è possibile tentare un collegamento tra i fatti storici indicati nel titolo. I quali alludono alla condotta normale di quanti si succedettero al potere in quegli anni, cioè l’alta e diuturna loro protesta di perseguire il benessere comune; culminata nell’inserimento dei ritenuti fondamenti di esso in appositi documenti ufficiali, chiamati Dichiarazione dei diritti umani o Costituzioni.