Edizioni Polistampa | Firenze | Scheda Libro

Il Vaso François
Rex vasorum

Polistampa, 2018

Pagine: 64

Caratteristiche: ill. col., br.

Formato: 21,5x23,5

ISBN: 978-88-596-1800-3

Settore:

DSU2 / Archeologia

€ 11,25

€ 15 | Risparmio € 3,75 (25%)

Quantità:
Guida breve

Il più famoso vaso greco e certamente una delle opere “minori” più note e maggiormente studiate dell’antichità classica, il Vaso François, viene presentato al pubblico con un testo preciso ma chiaro e agevole, destinato agli studenti così come agli studiosi, ma che si rivolge anche ai semplici estimatori e ai non specialisti.
Rinvenuto in due distinte campagne di scavo, nel 1844 e 1845, nella città etrusca di Camars o Clevsie-, l’odierna Chiusi (Siena), da Alessandro François, Commissario di Guerra del Granduca Leopoldo II di Asburgo-Lorena, il cratere (vaso da simposio per mescolare acqua e vino) è uno dei capolavori indiscussi dell’antica arte vascolare greca. Grazie alle sue duecentosettanta figure e centotrentuno iscrizioni, che includono le doppie firme del vasaio Ergotimos e del pittore Kleitias che lo produssero ad Atene intorno al 565 a.C., il grande cratere con anse a voluta costituisce anche una sorta di summa del pensiero religioso, di manuale della mitologia degli antichi Greci, e in particolare degli Ateniesi degli ultimi anni del governo di Solone, tanto da essere definito a volte la Bibbia dell’archeologia, l’Enciclopedia o l’Antologia della mitologia greca, e che possiamo ben considerare il Rex Vasorum, il Re dei Vasi!

Documentazione fotografica di Fernando Guerrini.