Edizioni Polistampa | Firenze | Scheda Libro

I giorni dell’esodo
Tre voci: Guido, Bruna, Franco

Polistampa, 2014

Pagine: 112

Caratteristiche: ill. b/n, br.

Formato: 14x20

ISBN: 978-88-596-1367-1

Collana:

Corymbos | Letteratura, prosa e poesia, 15

Settore:

L3 / Racconti

L6 / Diari, memorie

€ 8,50

€ 10 | Risparmio € 1,50 (15%)

Quantità:
È un libro-verità, ovvero la narrazione a viva voce dei tre protagonisti dell’abbandono del podere negli anni Cinquanta. Ma è anche un poema in prosa in cui ognuno narra “a cuore aperto” la perdita del rapporto con la terra, con le stagioni, così come fino ad allora era avvenuto. Guido, il capoccia, narra della sua vita libera, anche se faticosa, con tutti gli sviluppi e i coinvolgimenti in una società dove tutto veniva messo in gioco, di giorno in giorno, fra terra e cielo, ai confini della città. Bruna, la moglie, descrive i duri momenti di vita che la donna era costretta a vivere nel mondo contadino e tuttavia non le manca la nostalgia per un mondo talmente imprevedibile che, essendo lei poetessa, poteva anche essere messo in versi. Franco, il figlio, e curatore di questo libro, riviveva in sé le memorie ataviche e cercava di salvare, nella vita della città, il grande respiro verde delle stagioni nel podere.
Il libro, che riporta le voci in prima persona, si compone di due parti: il momento del trasloco (detto comunemente sgombero) in cui tutto il passato confluisce, e il tempo dell’inurbamento nel quale campagna e città ancora episodicamente convivono. La scrittura, mutuata direttamente dal parlato, scorre sul binario del diario colloquiale in cui si parla col cuore, per essere subito capiti e partecipati. Non a caso all’inizio abbiamo definito l’opera come un poema in prosa.
Vedi Anche: