Edizioni Polistampa | Firenze | Scheda Libro

Là comincia il Messico

Polistampa, 2008

Pages: 184

Features: br.

Size: 15x21

ISBN: 978-88-596-0329-0

Magazines:

Selezione Narrativa Polistampa, 26

Sector:

L2 / Romanzi

€ 7,65

€ 9 | Risparmio € 1,35 (15%)

Quantity:
La solitudine, la rivolta contro il destino, la ferocia di Dio, l’inettitudine, la malattia, la morte, attraverso la storia di un intellettuale colpito da uno dei sintomi psichiatrici più spaventosi: le allucinazioni uditive. La voce narrante è la voce stessa della follia: quindi non prima, non terza, ma seconda persona; un basso continuo che distrugge gradualmente i pilastri su cui poggia la vita del protagonista, filologo e critico letterario di fama, il quale si trasformerà da dissettore di libri a scalco di corpi. Un processo di bestializzazione che riesce a essere una metafora dei nostri tempi. “Là comincia il Messico” è la frase che pronunciavano i banditi dei film western quando erano vicini al confine, oltre il quale nessuno avrebbe potuto acciuffarli. Qui indica il salto, l’orrenda metamorfosi che il personaggio si accinge a compiere.

«Colpisce, sopra ogni cosa, l’indubbia padronanza linguistica che domina il testo: la scelta di ricorrere alla seconda persona risulta vincente, ed è capace di rendere la Follia – vero e proprio personaggio dell’opera – una voce narrante originale, il cui unico scopo è demolire senza pietà le certezze del protagonista. Il susseguirsi di visioni oniriche impreziosisce la lettura di immagini potenti e suggestive, che fanno da corollario alla lunga invettiva sulla quale si regge la storia».
Ernesto Ferrero

«Il discorso è alacremente intenso e inventivo, trascorrendo dal distacco ironico del commento e della critica alla rappresentazione d’orrore e di morte. L’opera è di straordinaria originalità, e la pubblicherei subito, con entusiasmo: ne potrà derivare un salutare scontro con la banalità e la povertà della letteratura di moda. Io sono con Gualberto Alvino, appassionatamente. Egli ha ridato verità al tragico e al “grande Stile”».
Giorgio Bàrberi Squarotti