Edizioni Polistampa | Firenze | Scheda Libro

Desinari nostrali
Storia dell’alimentazione a Firenze e in Toscana

Polistampa, 2005

A cura di:

Zeffiro Ciuffoletti

Giuliano Pinto

Pagine: 256

Caratteristiche: ill. b/n, br.

Formato: 17x24

ISBN: 978-88-8304-893-7

Settore:

DSU1 / Storia

SS7 / Cultura popolare

TL1 / Enogastronomia

€ 15,00

Esaurito

Il libro potrebbe non tornare disponibile
Quantità:
“Se la cultura alimentare toscana – scrive Paolo Nanni – riveste oggi con i suoi piatti tipici un ruolo di primo piano nel mercato eno-gastronomico, essa deve le sue origini e il suo consolidamento ad un processo storico di lunga durata, in cui è stata proprio la cucina tradizionale ad essere elevata a fama internazionale.
Già tra gli anni di Firenze capitale e quelli delle avanguardie culturali nei primi decenni del Novecento, le storiche trattorie e i nuovi restaurants proponevano piatti elaborati sugli elementi basilari della cosiddetta cucina “nostrale”. La stessa diffusione di taverne, osterie e vinai in città come nel contado era un aspetto significativo delle forme di socialità borghese e popolare, in compagnia del fiasco di vino e di alcune “prelibatezze” alimentari.
La diffusione poi del gusto per le scampagnate e la villeggiatura sulle colline delle maggiori città, in particolare attorno a Firenze, riempì anche i paesi e i piccoli borghi del contado di locali destinati alla ricettività dei cittadini e dei forestieri, contribuendo al fenomeno del ritorno alla campagna”.

Testi di Fabrizio Paolucci, Roberta Zazzeri, Giampiero Nigro, Alberto Cipriani, Giovanni Cipriani, Donatella Lippi, Deanna Sardi, Paolo Nanni, Lidia Calzolai, Vincenzo Vecchio, Lisetta Ghiselli, Sigfrido Romagnoli.