Edizioni Polistampa | Firenze | Scheda Libro

Memorie per amore

Polistampa, 2002

Pagine: 128

Caratteristiche: br.

Formato: 15X21

ISBN: 88-8304-488-6

Collana:

UOMO - DONNA | Ente Pari Opportunità Uomo-Donna, Comune di Siena, 1

Settore:

L3 / Racconti

L5 / Biografie

€ 6,59

€ 7.75 | Risparmio € 1,16 (15%)

Quantità:
"Con questa pubblicazione il Comitato di Ente prosegue il percorso, intrapreso da qualche anno, della messa in parole, dell’esperienza personale singola e della sua trasmissione.
In questo caso non si tratta di comunicazione mera o racconto: è un consegnare un’esperienza come dono di un punto di vista da cui poter attingere categorie nuove di interpretazione della realtà e della propria vita. Una sorta di giuoco di specchi nei quali l’immagine guardata ci rimanda necessariamente alla propria per coglierne somiglianze e differenze.
La storia di Ivana serve quindi come specchio del femminile. La domanda, per noi, deve essere: ‘Cosa ci racconta la storia di questa donna che va oltre la sua vicenda personale?’.
Ogni storia ovviamente racconta qualcosa di più della storia strettamente personale: qui c’è un pezzo di storia delle donne, delle costanti che l’attraversano e che, come una sorta di filo rosso, sembrano condannare la condizione femminile all’immutabilità. Ci racconta del patriarcato delle campagne toscane, del suo modi di mantenere stabili queste costanti quasi a sancire e bloccare un’identità femminile e farla coincidere col ritratto che esso ne traccia per garantirsi e perpetuarsi. Le donne dovevano rimanere a casa, sposarsi e fare figli, questo ci era costantemente ripetuto’, dice Ivana. E tuttavia in questo filo che lega tutte le donne della famiglia, c’è generazionalmente anche una discontinuità che ci racconta del tentativo, mai totalmente riuscito, delle donne di affrancarsi da quella legge non scritta e dalla univoca realizzazione di sé a cui le condannava e in parte le condanna ancora”.
(Alessandra Navarri, Presidente Comitato di Ente per le Pari Opportunità Uomo Donna del Comune di Siena)

Prefazione di Sandra Landi
Introduzione di Moira Zuccolo