Giuliano Pini

Giuliano Pini nasce nel 1935 a Firenze. Si avvicina in giovane età al disegno e alla pittura, incoraggiato da vari estimatori fra cui Ottone Rosai. La sua prima personale si tiene nel 1961 nella fiorentina Galleria Nuova Corrente. Espone in gallerie italiane ed estere, e nel 1977 gli viene dedicata la prima mostra antologica ad Arezzo. Ideatore di grandi cicli artistici (come Il tempo ha le mani del 1970, Il punto da raggiungere del 1979 o L’edificio del sognodel 1982), Pini intreccia la propria arte con la danza (il flamenco del ballerino spagnolo Antonio Gades); la tragedia greca, la mitologia e il teatro in genere, in cui trasfonde le sue immagini e le sue sensazioni. È presente con le sue opere in varie manifestazioni, fra cui quelle organizzate dalla Regione Toscana nel maggio 2007 Ottone Rosai 1957-2007 13 pittori fiorentini lo ricordano a 50 anni dalla scomparsa e nel settembre 2008, per ricordare i cinquanta anni di «Testimonianze», rivista fondata da Padre Ernesto Balducci. Si spegne il 27 maggio 2017 nella sua casa di Sesto Fiorentino (Firenze).

Vedi anche