Margherita Ghilardi

Margherita Ghilardi è nata a Firenze, dove si è laureata in Lettere con il professor Domenico De Robertis e ha poi lavorato presso l’Archivio Contemporaneo del Gabinetto Vieusseux. Si è occupata di narratrici e saggisti italiani del Novecento (Sibilla Aleramo, Anna Banti, Cristina Campo, Emilio Cecchi, Alice Ceresa, Giacomo Debenedetti, Giuseppe De Robertis, Margherita Guidacci, Gianna Manzini). Ha curato e introdotto l’edizione critica di Pesci rossi di Emilio Cecchi (Vallecchi 1989) e, dello stesso autore, la raccolta di tutte le prose creative per la collana dei Meridiani (Saggi e viaggi, Mondadori 1997). Ha curato una scelta di racconti (Autoritratto involontario, La Tartaruga 1996) e il romanzo La Sparviera (Libreria dell’Orso 2005) di Gianna Manzini, oltre a due volumi di Clotilde Marghieri (Amati enigmi, Avagliano 2001 e Vita in villa, Avagliano 2004). Sotto il titolo Saggi romantici (Avagliano 2003) ha riunito i due libri d’esordio di Emilio Cecchi critico letterario. Per la “Collezione Premio Strega. I 100 capolavori” ha firmato l’introduzione ad Artemisia di Anna Banti (UTET 2007). Ha collaborato a «Il Mattino», «Mercurio di Repubblica», «Diario» e «Alias», supplemento de «Il Manifesto».

A cura di Margherita Ghilardi