Mario Cini

Mario Cini è nato nel 1924 a Firenze, dove vive e lavora. Esordisce sulla scena artistica fiorentina con due mostre personali al circolo degli artisti “Casa di Dante” nella seconda metà degli anni ’50. Da qui prenderà avvio tutta una serie di esposizioni nonché di importanti rassegne d’arte, che lo attestano come artista particolarmente attivo sul territorio fiorentino e toscano – sebbene non siano mancati i riconoscimenti in ambito internazionale, come il Michelangelo d’Oro nel 1971 e le personali organizzate a Copenaghen e Nyborg (Danimarca) nel 1976.
La sua ricerca è incentrata su sovrapposizioni di segni, materia, colori intesi come corpi luminosi, dando «rilievo e consistenza a un proprio linguaggio che accoglie istanze non figurative senza rifiutare i connotati interiori dell’immagine», come sottolinea il critico Nicola Nuti. Per questo motivo la pittura di Cini è stata spesso accostata alla poetica informale, sebbene si scorga nella sua arte una lettura squisitamente personale della materia vibrante, del moto impetuoso, la cui resa è affidata quasi esclusivamente a segni luminosi che squarciano la superficie dei quadri suggerendone un’ulteriore dimensione, più remota, più pindarica, più trasognata.
Dal 1990 il Maestro fiorentino condivide il proprio percorso artistico con i detenuti del carcere fiorentino di Sollicciano, che ha seguito per realizzare dei murales all’interno dei vari locali del penitenziario affidando nuovamente all’insegnamento il compito di educare, nella sua antica accezione di “guidare le persone a riconoscere e mettere a frutto le proprie potenzialità”.

Vedi anche