Park Eun Sun

Park Eun Sun è nato in Corea del Sud nel 1965. Studia pittura presso l’università Kyung Hee, ma dopo il primo anno si dedica alla scultura, affascinato dal lavoro su marmo e granito. Si afferma come scultore partecipando a mostre collettive e vincendo concorsi. Sposata Lee Kyung Hee a Seul nel 1992, si trasferisce a Pietrasanta nel 1993 per proseguire gli studi presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara. Nello stesso anno nasce il suo primo figlio Dowon.
Compiendo lunghi viaggi attraverso l’Italia per assimilare il senso della bellezza antica e moderna, è affascinato dalla natura del marmo e prende a utilizzare marmi bicolori nei propri lavori. Tiene le sue prime mostre individuali a Firenze nel 1995, a Monaco di Baviera nel 1996 e a Seul nel 1997: il successo di queste mostre apre una nuova strada alla sua scultura. Successivamente si addentra nel mistero della concezione orientale dello spazio attraverso l’abrasione delle superfici, crepe nel marmo e la vastità per trovare l’interiorità umana e la distruzione totale della materia. Nel 2001 nasce il suo secondo figlio Doui.
È stato invitato da numerosi musei e gallerie d’arte in Belgio, Corea, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Lussemburgo, Olanda, Panama, Polonia, Stati Uniti e Svizzera e da questo ha ricevuto l’impulso a concepire opere per importanti spazi pubblici, musei d’arte e rassegne come la Biennale. Nella sua arte hanno acquisito da allora sempre maggior importanza lo spazio e la definizione degli angoli. Nel 2005 scopre il bronzo e si dedica a studiare dettagliatamente l’applicazione del bronzo alle sue opere. Dal 2011 scolpisce contemporaneamente in marmo, granito e bronzo. Attualmente divide la propria attività tra Europa e Corea del Sud.

Vedi anche