Paolo Manetti

Paolo Manetti è nato e vive a Firenze. Ha pubblicato La spola umana (Biblioteca dell’Ussero, Pisa 1973), Vitam Impendere Amori di Guillame Apollinaire (Biblioteca dell’Ussero, Pisa 1974), Sul metodo della metamorfosi (Vallecchi, Firenze 1975, premio Il Ceppo Proposte), Il pomeriggio d’un fauno di Stephane Mallarmé (Einaudi, Torino 1976), Storia di Oleron (Vallecchi, Firenze 1978), Il matrimonio del Cielo e dell’Inferno di William Blake (Vallecchi, Firenze 1979), Disegni o della ragione minima (Vallecchi, Firenze 1980), Mallarmé in Italia e altri scritti (Vallecchi, Firenze 1983, premio internazionale Taormina per la critica), Teoria della materia (Vallecchi, Firenze 1984, premio Casentino 1979 per l’inedito), I luoghi della parola. Scritti sulla ragione poetica (Vallecchi, Firenze 1986), Lettera efesia (Passigli, Firenze 1994, premio di poesia Contini Bonacossi), Autunno del Minotauro (Passigli, Firenze 2003), Lunario di molte vite (Rocco Carabba, Lanciano 2005), I taccuini di Ulisse (Caravaggio, Vasto 2009), Canto a due voci (Roberto Dossi, Milano 2010).

di Paolo Manetti