Venturino Venturi

Venturino Venturi nasce a Loro Ciuffenna il 6 aprile 1918. Emigrato insieme alla famiglia in Lussemburgo, dove compie i primi studi, nel 1936 si trasferisce a Firenze, dove frequenta i corsi di scultura dell’Accademia di Belle Arti.
Diviene amico di Ottone Rosai, Mario Luzi, Eugenio Montale e degli intellettuali che frequentano il Caffè delle Giubbe Rosse; nel 1945 tiene a Firenze la sua prima mostra personale. Nel 1947 si sposta a Milano, dove si trattiene sino al 1949. Qui conosce gli artisti vicini a Lucio Fontana, che lo invita a sottoscrivere il Manifesto dello Spazialismo, e vince il premio Garibaldi per la scultura. Spesso in viaggio tra la sua Toscana e il Lussemburgo, Venturino partecipa a numerosi concorsi di scultura riuscendone vincitore e sostiene una intensa attività espositiva. Nel 1953 vince il premio per il Monumento a Pinocchio ed esegue i mosaici per la Piazzetta di Collodi, opera centrale del suo percorso artistico, che lo consacra uno dei più importanti artisti del secondo dopoguerra.
Venturino, disegnatore e scultore di grande talento, grande conoscitore della materia che affronta con sapienza di artigiano povero, di volta in volta inventandosi strumenti e tecniche, prosegue instancabile la propria attività. Sono intensi gli anni del soggiorno a Loro Ciuffenna, dove, nel 1970, costruisce la propria casa atelier. In questo periodo esegue opere di alto valore civile e di destinazione pubblica, quali il Monumento ai Martiri del Nazismo di Firenze, il gruppo marmoreo di Loro Ciuffenna, il Murale per le Vittime della strage di Castelnuovo dei Sabbioni, ed altri ancora. La produzione dell’artista si interrompe solo con la sua morte, avvenuta nel gennaio 2002.
Venturino deve la propria fama alle predilette maternità, alle raffigurazioni di Pinocchio e ai ritratti che, numerosi, costellano la sua vasta produzione: da quelli giovanili dedicati alla madre, alle sorelle e al padre, a quelli eseguiti in età matura; una galleria dei volti più celebri del panorama intellettuale e artistico del secondo Novecento. Le opere di Venturino sono oggi nei grandi musei del mondo, nella raccolta monografica dedicatagli dal suo paese natale e nella sua casa museo di Loro Ciuffenna.

vedi anche