Gianni Musy

Gianni Musy (Milano, 3 agosto 1931), è un attore e doppiatore italiano.
Figlio d’arte (il padre Enrico Musy e la madre Gianna Pacetti erano entrambi attori), ha prestato la voce a moltissimi attori di Hollywood; i due attori principali sono Richard Harris (Albus Silente in Harry Potter e la Pietra Filosofale e Harry Potter e la Camera dei Segreti; l’imperatore Marco Aurelio ne Il Gladiatore) e Christopher Plummer (L’ultima eclissi, Arat, The New World). Alla morte di Richard Harris ha continuato a doppiare il personaggio di Silente, interpretato dall’attore Michael Gambon. Memorabile anche il doppiaggio di Ian McKellen (lo stregone Gandalf) nella trilogia de Il Signore degli Anelli. Tra altri attori da lui doppiati si ricordano Marlon Brando, Sean Connery e James Coburn. Musy ha doppiato anche alcuni personaggi dei film d’animazione della Disney: ne sono un esempio Zeus in Hercules e il Re di Atlantide in Atlantis – L’impero perduto. Ha doppiato nell’anime nipponico Neon Genesis Evangelion il personaggio di Lorentz Keele.
Come attore, Musy ha interpretato ruoli sia per il cinema che per la televisione. Per il cinema ha avuto il ruolo del pentito Tommaso Buscetta in Giovanni Falcone (1994) di Vincenzo Ferrara; ha lavorato con Carlo Verdone (Compagni di scuola, 1998) e Pupi Avati (Impiegati, 1984). Da giovane ha lavorato con artisti del calibro di Anna Magnani (L’onorevole Angelina) e Totò. In televisione ha avuto il ruolo del giudice nel processo a Fabrizio Ristori in Elisa di Rivombrosa (2005). Inoltre ha preso parte ad alcuni tra i più amati sceneggiati Rai negli anni sessanta/settanta: La freccia nera (in cui interpretava il ruolo di Senzalegge), Le stelle stanno a guardare, Le Inchieste del Commissario Maigret (interpretando l’ispettore Lapoint).

di Gianni Musy