Condividi: Vedi anche:
Luigi Ceccherini

La “rivoluzione” di don Momigli
Come un ex sindacalista salvò un paese da Chinatown. La via fiorentina all’inte(g)razione

La storia di un parroco coraggioso e fuori dagli schemi, una riflessione sui grandi temi dell’immigrazione e dell’accoglienza



Sarnus, 2016
Pagine: 208
Caratteristiche: ill. b/n, br., 17x24
ISBN: 9788856302202

Collana: Religione e Religiosi in Toscana, 3


Settore: DSU4 / Religione
Anche: SS6 / Socioumanitario / SS1 / Politica

Vedi: Giovanni Momigli


Prezzo: 15.00 €
Sconto: 15% (risparmio 2.25 €)

Aggiungi al carrello
Vai alla scheda autore

Il paese di San Donnino, alla periferia di Firenze, è teatro negli anni Novanta di una vera e propria invasione: oltre tremila migranti di origine cinese si insediano in quel piccolo borgo che molti iniziano a chiamare “San Pechino”. Gli speculatori fanno affari sulla pelle degli immigrati, gli amministratori sono assenti, i controlli latitano, mentre gli “ospiti” venuti dall’Oriente lavorano giorno e notte nei capannoni. Gli attriti sono inevitabili e le accuse, i cortei e gli scontri all’ordine del giorno.
Poi arriva don Giovanni Momigli, sindacalista diventato prete, che prende in mano la situazione. Mentre lotta per richiamare l’attenzione delle istituzioni, riesce a conquistarsi la fiducia di una comunità chiusa come quella cinese, fornendo aiuto e informazioni, promuovendo l’integrazione con attività aperte a uomini e donne, adulti e bambini di qualunque nazionalità. In poco più di tre anni la comunità di San Donnino sembra ritrovare equilibrio e serenità. Ma non tutti sono dalla parte di Giovanni…

Carmelo Mezzasalma
Una profezia della fraternità
Bruno Becchi
Lassù a Barbiana ieri e oggi
Mario Lancisi
La scuola di Don Lorenzo Milani
Raffaello Torricelli
Don Raffaele Bensi
Maurizio Naldini
Don Cuba

In Cammino - n

Incontri - a

Città di vita - a
Francesco Bigazzi
L’unità dei cristiani

Città di vita - a
Giulio Cirignano

Città di vita - a
L’Osservatore Romano - 04/07/2017 - Silvia Guidi
«Immagina: tremila persone in un paesino di 4500 anime. Era il 1991. Sarebbe stato come se tre milioni di cinesi fossero arrivati in pochi mesi a Roma. Una situazione esplosiva  

Informatore - 01/03/2017 - Bruno Santini
Anno 1992, il giorno prima di Pasqua. Don Momigli è da pochi mesi parroco di San Donnino, un paese alle porte di Firenze nel Comune di Campi Bisenzio, quando alle prime  

La Nazione - 27/02/2017 - Maria Serena Quercioli
L’esperienza della Chinatown di San Donnino 25 anni fa si concluse positivamente grazie all’intesa vincente fra parroco e sindaco di allora. A Prato con i sindaci da Martini  

Toscana Oggi - 26/02/2017 - Riccardo Bigi
Erano i primi anni ‘90,venticinque anni fa,quando il paese di San Donnino,periferia delle periferie di Firenze e Campi Bisenzio,si ritrovò ad avere una presenza di circa tremila  

Corriere fiorentino - 02/02/2017 - Mario Lancisi
«Sii malleabile con la gente,ma fermo nei principi .Come un sasso nello stagno», lo esortò il cardinale Silvano Piovanelli quando decise di inviarlo parroco a San Donnino  

Il Tirreno - 19/01/2017 - senza firma
Lo chiamavano San Pechino per l’invasione dei cinesi. Una fetta d’Oriente alle porte di Firenze. Su questo fenomeno che ha caratterizzato San Donnino, ed in particolare  

Ansa - 10/01/2017 - senza firma
(ANSA) - FIRENZE, 10 GEN - Un’ “invasione” di oltre tremila cinesi avvenuta in poco tempo a San Donnino, un paesino di 4.500 abitanti alla periferia di Firenze che si ribellò  

La Nazione - 07/01/2017 - Luigi Ceccherini
Allora come oggi: un’auto che si temeva piena di esplosivo portata a suon di bicipiti fino sul sagrato di una chiesa per bloccarne il portone d ingresso. Le sei di mattina  

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati