Condividi: Vedi anche:
L’illusione di Sciltian
Inganni pittorici alla prova della modernità

a cura di Stefano Sbarbaro


Polistampa, 2015
Pagine: 224
Caratteristiche: ill. col., br., 24x31
ISBN: 9788859614852


Settore: A2 / Arte moderna e contemporanea

Vedi: Gregorio Sciltian


Prezzo: 30.00 €
Sconto: 15% (risparmio 4.50 €)

Aggiungi al carrello
Vai alla scheda curatore

Il catalogo della grande mostra antologica allestita a Firenze, presso Villa Bardini, dal 3 aprile al 6 settembre 2015, ripercorre l’intera vicenda artistica di Gregorio Sciltian, che si sviluppa lungo un arco temporale di oltre sessant’anni. Sono riprodotte pitture a olio, disegni e opere grafiche provenienti da importanti musei nazionali quali la Galleria degli Uffizi di Firenze, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo e la Pinacoteca Vaticana, oltre che dalla collezione personale dell’artista oggi custodita al Vittoriale di Gardone Riviera e da altri fondi privati.
Con l’obiettivo di ricollocare pienamente nel suo tempo l’opera di Sciltian, il volume include una scelta di opere di altri autori selezionate sulla base di un rapporto di analogia, affinità stilistica e di ispirazione o contrasto: oltre a Pietro Annigoni e agli altri componenti del gruppo dei Pittori Moderni della Realtà, sono riprodotti dipinti di artisti come Giorgio de Chirico, Carlo Socrate, Renato Guttuso, Aligi Sassu.


Silvestro Lega

Novecento sedotto
Fabio Benzi
Mario Sironi

Luciano Guarnieri

Luciano Guarnieri
Sigfrido Bartolini
La grande impostura

Il mondo di Zandomeneghi

I modelli di Narciso

I luoghi di Giovanni Fattori


Cabianca e la civiltà dei Macchiaioli

Annigoni
Sette - 16/10/2015 - Vittorio Sgarbi
Dopo molti anni di indifferenza, Sciltian è tornato all’attenzione della giovane critica con una mostra ricca e precisa in villa Bardini a Firenze  

Il Sole 24 Ore - 02/08/2015 - Fernando Mazzocca
Una mostra sorprendente, per la quantità di opere che il curatore Stefano Sbarbaro ha saputo reperire, fa rivivere a Firenze il prodigioso talento (ingiustamente deriso e dimenticato) dell’armeno Gregorio Sciltian.   

Il Tirreno - 08/04/2015 - Gabriele Rizza
Era un bel po’ che non si sentiva parlare di Gregorio Sciltian, pittore di origine armena (era nato a Rostov nel 1900) che in fuga dalla terra natale in seguito ai rivolgimenti  

La Repubblica - 01/04/2015 - Roberto Incerti
La sua pittura è magico realismo. Le immagini sono perfette ma anche misteriose, sembrano scavare nell’inconscio, andare al di là  

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati