Condividi: Vedi anche:
A suon di paglia tra la piana e la collina
Fiesole, Signa, chapeaux en paille, leghorns d’oro, d’argento e…

a cura di Roberto Lunardi / Maria Emirena Tozzi


Polistampa, 2013
Pagine: 112
Caratteristiche: ill. col., br., 17x24
ISBN: 9788859612858

Collana: Testi e Studi, 31


Settore: A4 / Arti minori
Anche: TL5 / Moda / SS2 / Economia / DSU1 / Storia


Prezzo: 16.00 €
Sconto: 15% (risparmio 2.40 €)

Aggiungi al carrello

Il volume illustrato a colori, realizzato in occasione della mostra allestita a Fiesole nel giugno del 2013, raccoglie importanti contributi sulla manifattura della paglia, sulla sua storia e la sua organizzazione.
Quest’attività si sviluppò nella piana fiorentina a partire dal 1714, per interessare poi Fiesole nella prima metà dell’Ottocento con straordinari manufatti realizzati a telaio, detti bigherini. L’industria della paglia diventò tra le principali del Granducato ed ancora oggi tra Firenze e Pistoia si producono cappelli ed altri oggetti di moda e per l’arredamento in fibre intrecciate naturali e artificiali esportati ovunque nel mondo.
La grande tradizione di una creatività e di un’abilità incomparabili, si perpetua così nel lavoro degli operatori eredi dei fondatori del Made in Italy.

Premessa di Giampiero Maracchi. Testi di Angelita Benelli, Janilla Bruckmann, Laura Casprini, Laura Longhi, Roberto Lunardi, Carlo Salvianti, Maria Emirena Tozzi, Antonio Vannuccini, Marisa Zanobelli.


Un mondo di intrecci e ventole
Filippo Mariotti
L’arte della paglia in Toscana
Oliva Rucellai
La paglia, intrecci svizzeri a Firenze
Maria Emirena Tozzi
La manifattura della paglia nel Novecento
Angelita Benelli Ganugi
La manifattura della paglia

Il cappello tra storia e futuro
David Tarallo
Elisa Dapples ovvero l’universo dell’intreccio


Chapeaux de paille d’Italie
Roberto Lunardi
Antoine


Borse e sogni
Le Carte e la Storia - 01/01/2016 - Daniela Manetti
Il tema della produzione della paglia in Toscana, dei relativi cappelli e dell’attività delle famose “trecciaiole” che scoprirono in tal modo il lavoro a domicilio. Un’attività  

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati