Condividi: Vedi anche:
Palazzo Davanzati
La storia del Palazzo nelle immagini del Novecento

Polistampa, 2011
Pagine: 56
Caratteristiche: ill. b/n, br., 21,5x21,5
ISBN: 9788859610205


Settore: A3 / Architettura, urbanistica, territorio
Anche: A1 / Storia dell’arte / A6 / Collezionismo / TL8 / Fotografia / A5 / Restauro / TL5 / Moda / DSU1 / Storia

Vedi: Cristina Acidini / Maria Grazia Vaccari


Prezzo: 8.00 €
Sconto: 15% (risparmio 1.20 €)

Aggiungi al carrello

Il volume ripercorre attraverso uno straordinario repertorio di immagini fotografiche l’affascinante storia del museo di Casa Davanzati. Nel momento in cui Firenze si apprestava a diventare capitale e il suo centro storico veniva “restituito a nuova vita” con la demolizione di numerosi edifici e case medioevali, Palazzo Davanzati veniva miracolosamente risparmiato, grazie anche all’intervento di studiosi e intellettuali anglo-americani. Acquistato nel 1904 da Elia Volpi, singolare figura di pittore, restauratore e antiquario, l’edificio viene meticolosamente restaurato e aperto al pubblico alcuni anni dopo, il 24 aprile 1910. Nel 1927 la proprietà dell’immobile passa ai fratelli Vitale e Leopoldo Benguijat, antiquari provenienti dall’Egitto, ma attivi a Londra, Parigi e New York. Ma la storia di Casa Davanzati diventa ancor più sorprendente per la sua capacità di aprire spiragli su momenti della vita sociale fiorentina. Come nel 1881, quando il palazzo era una bisca e ne usciva talora all’alba, dopo aver vinto e soprattutto perso al gioco, Carlo Lorenzini detto Collodi, che proprio quell’anno iniziava a pubblicare a puntate sul «Giornale per i Bambini» la sua Storia di un burattino, il futuro Pinocchio.
Testi di Cristina Acidini e Maria Grazia Vaccari.

Giovanni Fanelli
Toscana scomparsa
Giovanni Fanelli
Robert Rive

Museo di Palazzo Davanzati
Giovanni Fanelli
L’Italia virata all’oro
Giovanni Fanelli

Le stanze dei tesori


Aura d’Europa

Luciano Guarnieri

Ammannati e Vasari per la città dei Medici

Principesse e Ambasciatori

“Da Cimabue in qua”
Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati