Condividi: Vedi anche:
Le stanze dei tesori
Collezionisti e antiquari a Firenze tra Ottocento e Novecento

a cura di Lucia Mannini


Testi in italiano e in inglese



Polistampa, 2011
Pagine: 312
Caratteristiche: ill. col., br., 24x26
ISBN: 9788859609650

Collana: Piccoli, Grandi Musei


Settore: A1 / Storia dell’arte
Anche: A6 / Collezionismo / A4 / Arti minori


Prezzo: 28.00 €
Sconto: 15% (risparmio 4.20 €)

Aggiungi al carrello
Vai alla scheda curatore

È il catalogo della mostra allestita a Palazzo Medici Riccardi tra il 3 ottobre 2011 e il 15 aprile 2012 e affronta il tema del collezionismo d’arte, che vede nella seconda metà dell’Ottocento Firenze protagonista nel panorama antiquario europeo, secondo una tradizione culturale che aveva illustri precedenti nelle corti granducali. La pubblicazione, introdotta da saggi di Antonio Paolucci e Cristina Acidini, affronta il fenomeno dagli esordi (Elisa Camporeale) alla comparsa di case-museo (Francesca Baldry), artisti antiquari (Lucia Mannini), dialoghi e traffici internazionali (Claudia Gennari) con particolare riferimento alla vicenda di Palazzo Davanzati (Roberta Ferrazza). Sono descritte e studiate le più importanti collezioni conservate oggi al Museo Bandini di Fiesole (Cristina Gnoni Mavarelli), allo Stibbert (Simona Di Marco), al Castello di Vincigliata (Francesca Baldry) come pure gli scenografici allestimenti di Stefano Bardini (Antonella Nesi), Elia Volpi (Roberta Ferrazza), Salvatore Romano (Serena Pini) o le “filologiche” e austere scelte di vita di Herbert Percy Horne (Elisabetta Nardinocchi), Charles Loeser (Serena Pini), Arthur e Hortense Acton (Francesca Baldry). Saggi di Chiara Ulivi e Lucia Mannini fanno luce anche sul collezionismo d’arte moderna del primo Novecento e Laura Lucchesi si occupa, in particolare, della collezione di macchiaioli raccolta in quell’epoca dallo scultore Rinaldo Carnielo. Graziella Battaglia tratta il critico e collezionista Ugo Ojetti, ancora Lucia Mannini delinea personaggi come Luigi Bellini o i coniugi Alessandro e Vittoria Contini Bonacossi, Francesca Serafini fornisce un ultimo approfondimento sulle donazioni private ai musei fiorentini.


Ville e giardini nei dintorni di Firenze
Valerie Niemeyer Chini
Stefano Bardini e Wilhelm Bode

Novecento sedotto

L’Antiquarium di Villa Corsini a Castello


La Firenze degli anni ’70 di Giuliano Lorenzetti

Lloyd
Maurizia Tazartes
Tra pittura e bordello
Sandro Bellesi
Pittura e scultura a Firenze

Dall’asta al Museo
Riccardo Nencini
Il magnifico ribelle

Michelangelo e l’assedio di Firenze
Nuovo Corriere - 05/11/2011 - Ines Romitti
I musei fiorentini, dagli Uffizi all’Accademia, così come il Bardini, lo Stibbert, lo Horne e tanti altri, considerati musei minori benché stracolmi di capolavori, nascono da un’identica passione per il collezionismo. Aprirono la   

Corriere della Sera - 20/10/2011 - Wanda Lattes Nirenstein
Ombre benevole, personaggi singolari, da leggenda, sembrano aggirarsi, invisibili, mentre si visita la mostra nelle splendide sale del Palazzo Medici Riccardi Le stanze dei tesori. Meraviglie dei collezionisti nei musei di   

La Repubblica - 08/10/2011 - Antonio Pinelli
Il turismo culturale di massa privilegia sempre più le città d’arte e, tra queste, Firenze capeggia tutte le classifiche, calamitando nel suo centro storico un instancabile pellegrinaggio  

La Repubblica - 30/09/2011 - Paolo Russo
Che la moderna museografia e l’idea stessa di collezione d’arte in Occidente sia nata a Firenze coi Medici è cosa nota. Meno noto invece il suo decollo verticale, avvenuto fra Ottocento e primi del Novecento grazie a un   

L’Unità - 30/09/2011 - Gianni Caverni
«Inutile farsi illusioni, ci rivolgiamo allo 0,3% dei 6/7 milioni di turisti che ogni anno vengono a Firenze» dice Antonio Paolucci nel presentare Le stanze dei tesori – meraviglie dei collezionisti nei musei di Firenze,  

QN - Il Resto del Carlino - La Nazione - Il Giorno - 30/09/2011 - Antonio Paolucci
Stefano Bardini, l’uomo destinato a diventare il dominus del mercato artistico internazionale fra Berlino e Parigi, New York e Boston, era il grande antiquario che, fra Ottocento e Novecento, dai suoi uffici di Firenze e   

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati