Condividi: Vedi anche:
Silvano Stagi

Dietrosieve
Un paese e il suo popolo: ricordi, risate, nostalgia

La testimonianza appassionata di una grande esperienza umana e politica



Polistampa, 2010
Pagine: 128
Caratteristiche: ill. b/n, br., 17x24
ISBN: 9788859607854


Settore: L3 / Racconti
Anche: DSU1 / Storia / SS7 / Cultura popolare / SS1 / Politica


Prezzo: 12.00 €
Sconto: 15% (risparmio 1.80 €)

Aggiungi al carrello
Vai alla scheda autore

Il paese, il mio paese! Mi fermo sul ponte e guardo l’acqua che passa: quella goccia, sì, quella! Sarà l’ultima di quelle passate o la prima di quelle in arrivo?

Silvano Stagi è stato sindaco di Rufina, lambita e talvolta minacciata dalla Sieve, per quasi tre lustri, fra gli anni Cinquanta e Sessanta, in tempi di confronto politico duro ma leale. La sua narrazione non è una cronistoria delle vicende del paese e neanche un’autobiografia: piuttosto, un affresco dipinto coi colori della complicità e della nostalgia che gravita intorno alla strada dove Stagi è nato e vissuto, ufficialmente via Cesare Battisti, detta comunemente via della Nave oppure, per farla breve, il Corso o “dietrosieve”. L’affresco di una comunità dove bastava girare l’angolo per andare nella via principale di Rufina e ti pareva di essere in un altro mondo. Gente laboriosa, semplice, divisa talvolta da piccoli litigi ma profondamente unita, che ha attraversato il fascismo e la guerra, la ricostruzione e i tempi difficili delle conquiste politiche e sociali delle classi subalterne, fino a oggi. Una casa comune dove tutti si chiamavano col soprannome: Milano e la Boria, Fecce, Pille, il Ficio e poi Tredicino, Veccia, Bistino, Dreolino, Certino, le vittime designate degli scherzi, Schicchero e il Corazziere, i renaioli Ghindo e Bùghere. La banda, la Pippolese, la festa dell’uva col Nannoni che faceva Bacco, le serenate e qualche incontro ravvicinato col babbo della bella. Cortei politici e processioni religiose col tamburino Lilli che scandiva il passo a ritmo sincopato. Notti passate a “far tardi”, scherzi tremendi, ma senza ferocia, tipi inimitabili e la “Ribollita” dove si ballava… tingendosi di rosso.
Talvolta, specie nelle vicende del sindaco col preposto, pare di leggere le imprese di Peppone e don Camillo, come quando Stagi narra di aver nominato una suora, lui comunista, preside delle scuole medie per aggirare ottusi divieti, perseguendo la solidarietà e il bene comune, senza fanatismo ideologico. Ma qui c’è molto di più di un teatrino di macchiette paesane: tra i tanti episodi esilaranti e qualche lacrima, emerge la testimonianza appassionata di una grande esperienza umana oltre che politica.
Enrico Luceri
Tre indizi fanno una prova
Maria Valbonesi
Le Vie di Maria Maddalena Pazzaglia
Raulo Rettori
Incontri sotto il cielo di Toscana
AA.VV.
Pagine di Felicità
Laura Del Lama
A cosa servono gli occhi

Nero urlante
Manuele Marigolli
Un altro punto di vista
Pietro Spirito
Trieste è un’altra
Leonardo Romanelli
Racconti in nuce
Donatella Contini
Ombre in fuga
AA.VV.
Tradimenti
Alberto Severi
Mammiferi
Corrispondenza - 01/07/2010 - Silvano Sassolini
  

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati