Condividi: Vedi anche:
Antonio Pizzuto

Pagelle

a cura di Gualberto Alvino


Edizione critica commentata



Polistampa, 2010
Pagine: 344
Caratteristiche: br., 15x21
ISBN: 9788859607748

Collana: Antonio Pizzuto / Opere, 7


Settore: L2 / Romanzi


Prezzo: 24.00 €
Sconto: 15% (risparmio 3.60 €)

Aggiungi al carrello

Come in viaggi brevi altrettanta ora da partenza ad arrivo che fra aeroporti e città, con modulo consimile duraturo leggere ormai una pagina per voltarla senza detestabili baci. Vinta coesione, dilettevole il verso ove alcun insigne apparato in caratterini trapunti di corsivi e algebre, cfr., pp., sgg., op. cit., passim, delibando già prima che ricercarne l’organico richiamo nel testo. Oh finezze per un buongustaio d’età. Contro la scrittura, un dì sottoposta a semplici aut aut, accorte semantiche da infornare nel calcolatore, ivi poi sufficiente un tocco sopra il pulsate per ottenerne gran messe, la medesima che madame Curie con innumerevoli lavaggi, di residuo in residuo, entro tal uggiosa cantina. Sia quelle alternative, quanto l’operosità nuova, impari ultimo proprio donde protendere ancor poco la mano.

Le Pagelle di Antonio Pizzuto furono pubblicate dal Saggiatore di Alberto Mondadori, con versione francese e note della svizzera Madeleine Santschi, in due distinti volumi di venti componimenti ciascuno: Pagelle I (1973) e Pagelle II (1975). Le stampe, licenziate ma non sorvegliate dall’autore, erano gremite a tal punto di mende tipografiche, sviste, errori da risultare a tratti indecifrabili. Pagelle rappresenta un momento capitale nell’evoluzione stilistica del prosatore più sperimentale dell’altro secolo: il passaggio dal regime delle lasse (“episodi” iscritti in un unico disegno narrativo, ancorché fruibili nella loro essenza di blocchi compatti, e dominati dall’imperfetto, tempo della duratività e dell’indeterminazione) a quello appunto delle pagelle (brevi componimenti in sé conclusi, caratterizzati dalla soppressione del verbo ai modi finiti con relativa, inevitabile disgregazione di personaggi e vicende). Per Gualberto Alvino, meticoloso curatore di questa edizione critica commentata, “Pagelle costituisce principalmente l’atto di nascita della cosiddetta ‘sintassi narrativa’, spina dorsale del narrare opposto al raccontare: questo consistendo nella registrazione d’un dipanarsi d’eventi cristallizzati nella loro impartecipabile compiutezza, quello componendo l’aporia di tradurre l’azione in rappresentazioni col sancire la riduzione del fatto a pura astrazione”.

Formato PDF



Coup de foudre
Antonio Pizzuto
Telstar

Caro Testatore, Carissimo Padrino
Antonio Pizzuto
Così
Antonio Pizzuto
Paginette
Antonio Pizzuto
Ravenna
Antonio Pizzuto
Sul ponte di Avignone
Antonio Pizzuto
Signorina Rosina

Lettere

L’ultima è sempre la migliore
Antonio Pizzuto
Testamento
Antonio Pizzuto
Sinfonia
Tuttolibri de «La Stampa» - 08/01/2011 - Giuseppe Marcenaro
Frontespizio da entusiasmante soprassalto: Antonio Pizzuto, Pagelle. Un sussulto. Per «il ritorno» dell’autore e il piacere che permette l’evocazione di una formidabile temperie. L’autore intanto. Scrittore per carbonari, eccentrici snob  

451 - 01/01/2011 - Antonio Pane
Antonio Pizzuto è considerato il narratore più temerario del nostro Novecento. Per esser precisi bisognerebbe aggiungere che la sua novità si misura tanto con la tradizione ripudiata che con i propri stessi esiti. Il suo programma  

Oblio - 01/01/2011 - Filippo Secchieri
All’impresa di leggere Pizzuto – ché tale perlopiù si configura l’accesso alla sua pagina letteraria – Alvino ha dedicato, nel corso di un ventennio abbondante, notevoli sussidi filologici ed esegetici  

Le Reti di Dedalus - 01/01/2011 - Simona Cigliana
Pizzuto, Joyce di Sicilia, titolava Franco Cordelli in un suo intervento pubblicato sul «Corriere della Sera» a venti anni di distanza da quel fondamentale “esercizio” con il quale Gianfranco Contini consacrava sullo stesso quotidiano la grandezza  

L’Indice dei Libri del Mese - 01/12/2010 - Alfonso Lentini
Se la scrittura di qualità non risulta conciliabile con la facile vendibilità, oggi sembra quasi impossibile che possa trovare spazio presso la grande editoria e addirittura, come ha giustamente notato anche Silvia Ballestra sulla nuova serie di Alfabeta  

RadioTre - 15/11/2010 - Andrea Cortellessa
Andrea Cortellessa parla di Pagelle nell’ambito della trasmissione Fahrenheit  

Cult - 01/11/2010 - senza firma
Torna in un’edizione critica commentata a cura di Gualberto Alvino, “Pagelle”, una delle opere “estreme” dello scrittore Antonio Pizzuto (Palermo 1893 – Roma 1976). Editore è Polistampa che negli ultimi anni ha riproposto quasi per intero l’opera di Pizzu  

Il Giornale - 30/08/2010 - Tommy Cappellini
Ogni tanto fa bene abbandonare le placide ed emotive pianure della letteratura di questi anni e addentrarsi nel difficile, nell’ambiguità, nelle foreste di significanti, nell’intellettuale (come una volta aveva il coraggio di proporlo Robbe-Grillet). Fa b  

Info Libri - 24/08/2010 - senza firma
Incomincio a pensare - ancora allo stato di nebulosa - a un nuovo libro, Forme, del quale ho già composto circa 3 del tuo milione di nivee cartelle: un libro che non sarà più di lasse (sono ben sessanta quelle già composte nella Trilogia Paginette-Sinfoni  

AdnKronos - 05/01/2010 - senza firma
Roma, 5 gen. - (Adnkronos) - La scrittrice svizzera Madeleine Santschi, celebre traduttrice in francese di Albino Pierro, Grazia Deledda e Laura Betti, è morta domenica sera nella sua casa di Jouxtens, vicino a Losanna, all’età di 93 anni.  

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati