Condividi: Vedi anche:
Roberto Panichi
Destrutturazioni. La persistenza della forma

a cura di Stefano De Rosa


Polistampa, 2009
Pagine: 144
Caratteristiche: ill. col., br., 24X31
ISBN: 9788859606161


Settore: A2 / Arte moderna e contemporanea

Vedi: Roberto Panichi / Antonio Paolucci


Prezzo: 22.00 €
Sconto: 15% (risparmio 3.30 €)

Aggiungi al carrello
Vai alla scheda curatore

Catalogo della mostra antologica allestita dal 20 giugno al 12 luglio in Sala d’Arme di Palazzo Vecchio a Firenze, il volume riproduce a colori, suddivise nelle sezioni “Opere su tela” e “Grafica” tutti i lavori esposti. I testi critici sono di Antonio Paolucci (L’Arte di Roberto Panichi) e Stefano De Rosa (Macchine pittoriche e vita silente); completano il libro un’ampia antologia critica e alcuni testi autobiografici e di poetica di Panichi. “Panichi, oltre che pittore, è uomo di lettere, studioso e critico d’arte. Conosce bene, quindi, il significato delle parole. Sa che il titolo che ha voluto dare alla sua mostra suona come un ossimoro. Da una parte la ‘destrutturazione’ e cioè la caduta delle strutture portanti, lo scheletro delle cose che si scioglie nei suoi elementi compositivi, la riconoscibilità dell’immagine che si sfrangia e si offusca; dall’altra la ‘persistenza’, la lunga durata, l’insopprimibile vitalità della forma. È dunque – il termine ‘persistenza’ – la pervicace affermazione di un principio che contraddice il processo destrutturante. Sull’ossimoro ‘destrutturazione-persistenza’ riposa l’esperienza pittorica di Roberto Panichi. È questo il filo rosso che occorrerà dipanare attraversando i dipinti esposti in Sala d’Armi. Partendo da due considerazioni preliminari. La prima è che l’autore è un uomo straordinariamente colto, nutrito e quasi modellato da una profonda formazione e quotidiana frequentazione storica, letteraria, poetica” (Stefano De Rosa).

Stefano De Rosa
Visani
Stefano De Rosa
Renato Alessandrini
Stefano De Rosa
Alessandro Goggioli
Cecco Bonanotte
La Divina Commedia

Sandro Chia

Roberto Panichi

Roberto Panichi

Roberto Panichi

Caro Monicelli

Una chiesa, un popolo, un quadro

W

Giampaolo Talani
Arte e Arti - 29/06/2009 - senza firma
Uomini e donne galleggiano in un universo caotico dove tutto si sfalda e ogni certezza o fondamento crolla. Si muovono come fantasmi alla ricerca di sé e del senso della vita riportando a galla antiche memorie, suggestioni  

Corriere fiorentino - 28/06/2009 - senza firma
Olii su tela ed elaborazioni grafiche su carta. Una mostra antologica, quella dell’artista Roberto Panichi. Dagli anni novanta a oggi, oper in cui la figura resiste e persiste con forte continuità. Aperta fino al 12 luglio, dalle   

La Nazione - 26/06/2009 - senza firma
  

La Nazione - 26/06/2009 - senza firma
Si è appena aperta nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio la mostra antologica «Roberto Panichi. Destrutturazioni/La persistenza della forma» che si potrà visitare fino al 12 luglio (ingresso gratuito, orario   

Corriere fiorentino - 21/06/2009 - senza firma
Oli su tela ed elaborazioni grafiche su carta. Una mostra antologica, quella dell’artista Roberto Panichi. Dagli anni novanta ad oggi, opere in cui la figura resiste e persiste con forte continuità. Aperta fino al 12 luglio, dalle   

Il Nuovo Corriere - 20/06/2009 - senza firma
Su il sipario nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio per la mostra antologica Roberto Panichi (fino al 12 luglio ingresso gratuito, orario 10.30-  

La Repubblica - 20/06/2009 - senza firma
Nato nel 1937 a Cuneo, Roberto Panichi è da decenni toscano d’adozione: Primo Conti e Annigoni sono fra i suoi mentori negli anni giovanili. Saggista di estetica e teoria delle arti, docente all’Accademia di Belle Arti  

inToscana - 19/06/2009 - senza firma
Un gioco cromatico di contrasti e di soggetti bidimensionali su sfondi onirici ed immaginari. un percorso visivo in cui la figura umana appare lacerata dal dibattito esistenziale che ha devastato il  

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati