Condividi: Vedi anche:
Antonio Pizzuto

Testamento

a cura di Antonio Pane


Commento di Antonio Pane



Polistampa, 2009
Pagine: 312
Caratteristiche: br., 15x21
ISBN: 9788859605584

Collana: Antonio Pizzuto / Opere, 6


Settore: L2 / Romanzi


Prezzo: 23.00 €
Sconto: 15% (risparmio 3.45 €)

Aggiungi al carrello

Apparso nel 1969 e mai riedito, Testamento conclude la trilogia delle ‘lasse’, inaugurata da Paginette e proseguita con Sinfonia. L’autore ne parla come di una «autobiografia senza attore, senza futili madeleine, né storia». Mediante l’abolizione del personaggio e la progressiva rinuncia ai tempi finiti del verbo, Pizzuto vi sperimenta un modulo narrativo sempre più coerente con il suo ‘indeterminismo’, dove la «plastica dei fatti, dei fatti individuali», lascia il posto a traiettorie di eventi in fieri che testimoniano il «moto universo», l’incessante metamorfosi in cui si risolverebbe il reale, conducendo verso i rarefatti geroglifici verbali delle opere estreme (Pagelle, Ultime e Penultime, Giunte e virgole, Spegnere le caldaie). La fabula di Pizzuto – che conserva la sua materia autobiografica, familiare, quotidiana, ‘minore’, e continua a svariare liberamente, con passaggi fulminei, nei luoghi e nei giorni: dai remoti ricordi siciliani al presente della casa romana di via Fregene e del suo circondario – raggiunge qui una virtuosistica densità, complicata dalla drastica decurtazione del contesto e dal decremento delle “parti procedurali” del discorso, fino agli elementari connettivi costituiti dagli articoli e dalle preposizioni. Di questa scrittura ‘difficile’ il commento di Antonio Pane cerca di restituire, attraverso accurate indagini biografiche e la consultazione di numerosi epistolari anche inediti, le coordinate spaziotemporali, i riferimenti alla vita dello scrittore, i risvolti affettivi, discutendo inoltre i punti connessi alla ‘filosofia’ di Pizzuto e sciogliendo le allusioni di ambito letterario, erudito, scientifico. Il lavoro di decifrazione è poi utilmente integrato dal confronto intertestuale e dal sistematico spoglio del «manoscritto originale» che documenta l’intero percorso compositivo dell’opera, offrendo spesso nel giro delle varianti lezioni ‘in chiaro’ di elementi che nel testo a stampa si presentano problematici.


Coup de foudre
Antonio Pizzuto
Telstar

Caro Testatore, Carissimo Padrino
Antonio Pizzuto
Così
Antonio Pizzuto
Paginette
Antonio Pizzuto
Ravenna
Antonio Pizzuto
Sul ponte di Avignone
Antonio Pizzuto
Signorina Rosina

Lettere

L’ultima è sempre la migliore
Antonio Pizzuto
Pagelle
Antonio Pizzuto
Sinfonia
Retroguardia - 14/04/2010 - Francesco Sasso
La narrativa di Antonio Pizzuto (Palermo, 1893 – Roma, 1973) è complessa e, credo, senza un vasto pubblico di lettori. Gran merito, quindi, l’aver ripubblicato Testamento (Polistampa 2009).  

Fermenti - 01/12/2009 - Gualberto Alvino
«Se bisogna fare i conti col tempo – scriveva nel 1969 Walter Pedullà, cogliendo appieno la rivoluzione altrettanto linguistica che epistemologica operata con Testamento dal questore in quiescenza Antonio Pizzuto –, quale soluzione è migliore di una ‘dura  

Arenaria. Ragguagli di letteratura - 01/12/2009 - Lucio Zinna
Testamento è opera collocabile in fase estrema del progetto di rinnovamento della scrittura narrativa che Antonio Pizzuto andò gradualmente perseguendo. Apparso quaranta anni fa presso Il Saggiatore, il libro è ripubblicato ora, con commento di Antonio Pa  

Rai Radio Tre - 22/10/2009 - Walter Pedullà
Nell’ambito della trasmissione “Mostri sacri” del 22 ottobre 2009 Walter Pedullà ricorda Antonio Pizzuto  

L’Espresso - 21/10/2009 - Salvatore Ferlita
«Mi sembra di poter interpretare questo convegno come il tentativo di strappare Antonio Pizzuto alla marginalità per spostarlo al centro della galassia degli autori del ventesimo secolo». Così Angelo Guglielmi, critico letterario, tra i fondatori della Ne  

La Repubblica - 17/10/2009 - Salvatore Ferlita
A cinquant’anni dalla pubblicazione di   

Le Reti di Dedalus - 03/10/2009 - Gualberto Alvino
Presso i tipi della fiorentina Polistampa è uscita, per le cure di Antonio Pane, una nuova edizione del libro che lo scrittore siciliano aveva pubblicato originariamente nel 1969 con Il Saggiatore. Un’opera di strenua prosa sperimentale che rappresenta un  

Alias de «Il Manifesto» - 25/07/2009 - Domenico Pinto
  

Anfiosso. Un cefalocordato che scrive - 18/07/2009 - senza firma
Sono ancòra in corso di lettura per quanto riguarda un libro, di quelli che non s’incontrano tutti i giorni, Testamento, di Antonio Pizzuto (1893-1976), sommo nostro avanguardista, e per prestigio e per oltranza. Già  

L’Indice dei Libri del Mese - 01/07/2009 - Denis Ferraris
Dopo aver letto, riletto e tradotto, almeno mentalmente, gli esametri omerici, Cesare Pavese, figlio di piccoli borghesi terrieri del Piemonte, maturò una salda convinzione, e la espresse in una formula che può apparire malinconica e negativa, laddove si   

TGR - 15/05/2009 - senza firma
  

Hercole.it - 14/05/2009 - senza firma
Tre giorni dedicati ad Antonio Pizzuto, scrittore tra i più originali del Novecento italiano, che sebbene sia per certi versi caduto per un po’ di tempo nell’oblio, a causa della sua scrittura ritenuta “difficile”, negli ultimi anni   

Artèpress - 08/04/2009 - senza firma
Apparso nel 1969 per i tipi del Saggiatore di Alberto Mondadori e mai riedito, oggi Testamento di Antonio Pizzuto è ripubblicato con commento di Antonio Pane dalle fiorentine edizioni Polistampa (pp. 312,  

La Repubblica - 04/04/2009 - Salvatore Ferlita
A quarant’anni dalla sua pubblicazione, torna in libreria “Testamento”di Antonio Pizzuto (Polistampa, 308 pagine, 23 euro) per le amorevoli cure di Antonio Pane, che da tempo dedica la sua passione di studioso a uno   

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati