Condividi: Vedi anche:
Sonia Santella

Giardini di Svezia
Passione e cultura del verde dall’Ottocento ai giorni nostri

Polistampa, 2009
Pagine: 176
Caratteristiche: ill. col., br., 15x21
ISBN: 9788859605393


Settore: A3 / Architettura, urbanistica, territorio
Anche: TL6 / Natura, ambiente


Prezzo: 16.00 €
Sconto: 15% (risparmio 2.40 €)

Aggiungi al carrello
Vai alla scheda autore

Questo libro, come sottolinea Carla Benocci nella presentazione, colma una lacuna: ci fa conoscere i giardini di Svezia, ci fa scoprire quanto essi – grandi e piccoli – contino nella vita di un popolo che per cultura e tradizione è intimamente legato alla natura, stupenda seppure non sempre amica. E che, essendo per buona parte dell’anno costretto a fare a meno del sole, dei fiori, dei colori, li ama tanto da approfittare di ogni occasione per goderne.
Sonia Santella ci conduce, sul filo della storia, a scoprire il formarsi di una cultura svedese del verde, facendoci visitare sia i grandi giardini – Rosendal, Waldemarsudde, Bergianska Trädgården, il parco Marabou a Stoccolma, Sofiero presso Helsingborg – creati per il piacere di principi e sovrani prima di diventare patrimonio pubblico, che i complessi nati a fini di ricerca, ma anche per la gioia della gente, come l’orto botanico di Göteborg, fra i più importanti d’Europa. Traccia nell’avvicendarsi delle scuole, con particolare riguardo al funzionalismo e al modernismo, i profili di grandi architetti svedesi del paesaggio che hanno saputo dare un’impronta peculiare all’arte dei giardini, quali Sven Hermelin, Sven-Ingvar Andersson, Gunnar Martinsson, Holger Blom, Erik Glemme, senza dimenticare prestigiose figure femminili che hanno dato un contributo fondamentale anche sotto il profilo della divulgazione, come Ellen Key, Ester Claesson, Anna Lindhagen e Ulla Molin. Ci fa comprendere quanto il verde abbia contato e conti in Svezia nella progettazione urbanistica e architettonica, sino a prospettare idee e soluzioni paradigmatiche. Ma soprattutto ci fa sentire come un intero popolo – non a caso, i compatrioti di Linneo – si riconosca nell’amore per la natura, trasformando un bisogno in un piacere, una curiosità in un sapere, un passatempo in una cultura, sino ad esserci d’esempio nel rispetto e nella tutela dell’ambiente.

Sonia Santella
Giardini reali di Svezia
Sonia Santella
Bellezza per tutti
Gabriele Capecchi
Ipotesi su Castello
Simone Barbi
Ines Romitti
Giardini e Paesaggi
Claudio Paolini
Intorno alla Cattedrale
Franca Manenti Valli
Pisa

Giovanni Michelucci
Barbro Santillo Frizell
Tra terra e cielo

Herat Sustainable Urban Mobility Plan

Herat District 9 Development Plan
La Repubblica - 15/06/2010 - senza firma
Un percorso fotografico sul patrimonio naturale svedese è la mostra che apre al pubblico, fino al 15 luglio, nel cuore di Villa Borghese, alla Casina di Raffaello: ‘Giardini di Svezia. Dove il gioco della natura crea futuro’. Attraverso le immagini del fo  

AdnKronos - 14/06/2010 - senza firma
‘Giardini di Svezia. Dove il gioco della natura crea futuro’, attraverso le immagini del fotografo di giardini svedesi Jens Markus Lindhe, creerà una sorta di gemellaggio tra la natura nordica e il parco romano.  

L’Indice dei Libri del Mese - 01/04/2010 - Paolo Pejrone
E’ intensa e antica la storia dei giardini svedesi: agli inizi dettata dalle mode e favorita, come in tutte le altre parti d’Europa, dalle passioni private e pubbliche di intraprendenti e vanitosi monarchi. Infatti, in Svezia, fin dalla famosa e discussa   

Casa Chic - 01/02/2010 - senza firma
Nella seconda metà del Seicento Cristina di Svezia decise di regalare al palazzo reale di Stoccolma un autentico giardino “alla francese”. Pensate che ci riuscì? Non propriamente, poiché gli agrumi tanto amati dalla regina non avrebbero retto ai rigidi cl  

Architettura del paesaggio - 01/11/2009 - Novella B. Cappelletti
L’autrice conduce il lettore, sul filo della storia, a scoprire la formazione di una cultura svedese del verde e offre, colmando una lacuna nel panorama editoriale, una ricognizione dei principali episodi della cultura del giardino a partire dal 1800 fino  

Casa in fiore - 01/10/2009 - Alexandra Griotti
  

Ville&Casali - 01/07/2009 - Claudia Capperucci
La Svezia è un Paese dove il sole non è proprio una costante. È noto quello di mezzanotte, durante il solstizio d’estate, ma non certo per il suo calore. Tuttavia, i principi e i sovrani che si sono avvicendati nel corso   

Agorà magazine - 21/05/2009 - senza firma
Ho vissuto a Stoccolma qualche anno mentre studiavo presso l’università della capitale, in una lingua che giorno dopo giorno diveniva sempre più familiare. La natura del luogo si presentava ai miei occhi in ogni angolo   

Il Floricultore - 01/05/2009 - Ester M.R. Nunziata
Sonia Santella, con «Giardini di Svezia», ci conduce, sul filo della storia, a scoprire il formarsi di una cultura svedese del verde, facendoci visitare sia i grandi giardini, creati per il piacere di principi e sovrani prima, che   

Gardenia - 01/04/2009 - Pia Meda
Diversamente dai giardini inglesi, francesi o italiani, quelli svedesi sono poco conosciuti. Questo libro ne racconta la storia negli ultimi due secoli, sottolineando le caratteristiche che li contraddistinguono. Dalla   

Il Messaggero - 28/02/2009 - senza firma
Bisogna amare, e molto, la natura per vincere ostacoli considerati “insormontabili”, primo tra tutti il clima sfavorevole. Bisogna credere nella bellezza di un giardino per progettare case che si “prolungano” verso   

Il Venerdì di Repubblica - 27/02/2009 - Rossella Sleiter
Strana storia quella degli svedesi per i giardini. La racconta Sonia Santella in “Giardini svedesi” (Edizioni Polistampa, pp. 176, euro 16) senza pedanteria, prendendoci per   

Circolo polare - 17/02/2009 - senza firma
Il libro, come sottolinea Carla Benocci nella presentazione, colma una lacuna: ci fa conoscere i giardini di Svezia, ci fa scoprire quanto essi – grandi e piccoli – contino nella vita di un popolo che per cultura e tradizione   

Aise - 10/02/2009 - Raffaella Aronica
“La natura per tutti gli svedesi è una presenza costante: nelle nostre realtà, nei nostri nomi, nella nostra arte, nelle nostre produzioni, nei nostri pensieri. Ci consideriamo amanti della natura, anche   

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati