Condividi: Vedi anche:
Il Portolano, n. 49/50, anno XIII - gennaio-settembre 2007
Periodico trimestrale di letteratura

Polistampa, 2007
Pagine: 52
Caratteristiche: ill. b/n, punto met., 25x35


Settore: L1 / Studi, storia della letteratura
Anche: A2 / Arte moderna e contemporanea / L9 / Poesia

Vedi: Umberto Saba


Prezzo: 8.00 €

Abbonamento

Direttore responsabile: Francesco Gurrieri
Fondato da: Arnaldo Pini, Francesco Gurrieri, Piergiovanni Permoli
Comitato di direzione: Francesco Gurrieri, Maria Fancelli Caciagli, Ernestina Pellegrini

Numero doppio dedicato a Umberto Saba, nel 50° anniversario della sua scomparsa. Oltre ai quattordici articoli a lui dedicati si trovano all’interno: un approfondimento sul ruolo degli spettri nella narrativa di Arturio Loria; due articoli su Sandro Veronesi, uno sull’ormai celebre Caos Calmo, l’altro sul più recente Brucia Troia; una lunga disamina su Lacune di Jole Zanetti, sorta di affascinante diario in frantumi; un omaggio a Eugenio Miccini, maestro della Poesia Visiva scomparso nel giugno di quest’anno; un articolo sulla specularità e il rimorso nell’opera di Tabucchi.

Scritti di Elvio Guagnini, Roberto Dedenaro, Stefano Carrai, Massimiliano Pescini, Tommaso Tarani, Claudio Grisancich, Gianfranco Sodomaco, Elena Salibra, Vincenzo Crescente, Elena Gurrieri, Adone Brandalise, Sauro Albisani.


Testata: Il Portolano
Altri numeri della rivista catalogati: 0, 1, 2, 3, 4, 5-6, 7-8, 9-10, 11-12, 13-14, 15-16, 17-18, 19-20, 21-22, 23-24, 25-26, 27-28, 29-30, 31, 32-33, 34-35-36, 37-38, 39-40, 41-42, 43-44, 45-46, 47-48, 51-52, 53-54-55, 56-57, 58-59, 60-61, 62-63, 64-65, 66-67, 68-69-70, 71, 72-73, 74-75, 76-77, 78-79, 80-81, 82-83, 84-85, 86-87, 88-89, 90-91
Franco Manescalchi
Riviste di poesia del secondo Novecento a Firenze

Antologia Vieusseux - a
Stefano Cartei
Giuliano Tanturli

Il Portolano, n

Antologia Vieusseux - a
Ada Fichera
Luigi Pirandello

Il Portolano, n

Antologia Vieusseux - a

La Poetica di Alberto Caramella

Antologia Vieusseux - a

Il Portolano, n
Leggere: tutti - 01/11/2007 - senza firma
Dopo Trieste, la città più importante nella vita e nell’opera di Saba, è stata senz’altro Firenze. Vi si trasferì una prima volta nel gennaio del 1905 e vi rimase per più di due anni, senza però riuscire ad ambientarsi e a sentirsi accettato dai   

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati