Condividi: Vedi anche:
Antonio Latini

Lo scalco alla moderna
Overo l’arte di ben disporre i conviti

Polistampa, 2004
Pagine: 913
Caratteristiche: ill. b/n, cart., 3 tavv. b/n, in cofanetto, 17x24
ISBN: 9788883048265


Settore: DSU7 / Anastatiche
Anche: TL1 / Enogastronomia


Prezzo:


Vai alla scheda autore

Ristampa anastatica in 2 tomi del trattato di Antonio Latini, stampato a Napoli nel 1694.
Il terzo volume contiene il testo critico di Zeffiro Ciuffoletti.

Scrive Emilio Faccioli: “Sullo scorcio del secolo XVII Lo scalco alla moderna del marchigiano Antonio Latini sembra segnare la fine dell’egemonia esercitata dalla letteratura gastronomica italiana e quasi rappresenta, per una oscura consapevolezza dell’autore il tentativo di fornire il compendio ultimo di quanto era stato scritto in precedenza in materia di cucina”.

Lo scalco è il Maestro di conviti, persona comandante a tutte le altre, ai vertici della gerarchia nelle Corti e specialmente nella Corte pontificia, tanto è vero che “viene esercitato questo ufficio da i più nobili e degni cavalieri”.

Giovanni della Casa
Il Galateo di Messer Giovanni della Casa
Gaetano Casoni
Diario fiorentino
Antonio Salandra
L’intervento
Mauro Servio Onorato
Commentario alle Bucoliche di Virgilio
Luigi Porte
Del Cammello Toscano
Cesare Arici
La coltivazione degli olivi
Ugo Foscolo
Dei Sepolcri
Giuseppe Giusti
Cronaca dei fatti di Toscana (1845-1849)

Adnotationes codicum domini Justiniani
Francesco Chiarenti

Il libro del chiodo
Vittorio Alfieri
Vita di Vittorio Alfieri
La Nazione - 05/01/2005 - senza firma
Fu colui che sottrasse il pomodoro dai decori della tavola per farne pietanza ed arricchire il gusto dei cibi, il suo nome era Antonio Latini, di professione scalco, cioè primo chef nelle corti   

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati