Condividi: Vedi anche:
Marino Biondi

Scrittori e miti totalitari
Malaparte Pratolini Silone

Polistampa, 2002
Pagine: 360
Caratteristiche: cart., 17x24
ISBN: 9788883044168


Settore: L1 / Studi, storia della letteratura
Anche: DSU1 / Storia / SS1 / Politica


Prezzo: 21.00 €
Sconto: 15% (risparmio 3.15 €)

Aggiungi al carrello
Vai alla scheda autore

Un libro che è un lungo viaggio al termine della notte totalitaria, intrapreso da tre scrittori nei labirinti dispotici del secolo scorso. Esperienza decisiva e inflessibilmente ritenuta dalla memoria, sorgente oscura e feconda. Variazioni interminabili e più o meno enigmatiche nel ricordo e nella fantasia di scrittori-storici di tempi sciagurati, ognuno cn il suo stile. 
Fascismo e comunismo, passioni e inganni, sono al centro dell’inchiesta saggistico-narrativa, la montagna da scavare di Pratolini, l’eterna guerra del Novecento per Malaparte, l’antro clandestino della rivoluzione sociale da cui uscire in salvo in Silone. Storia e politica sempre ritornano come dovere e necessità della testimonianza di un passato insepolto. Etica di acquisizione del vero, analisi narrativa dell’allucinazione e dell’errore, del rimorso e dell’espiazione. Il romanzo storico della politica non può che scontrarsi con la tradizione letteraria nazionale, pronta a interdire gli scrittori di cose e di eventi, mentre l’ostinazione a frugare i ricordi, a aggirarsi fra tombe e reliquie, disturba l’oblio e la rimozione, storiografia di massa nell’Italia contemporanea.

Formato PDF

Marino Biondi
La cultura di Prezzolini
Marino Biondi
Fedele alla critica
Marino Biondi
Scrittori e identità italiana
Jean-Jacques Marchand
Studi machiavelliani
Franco Manescalchi
Riviste di poesia del secondo Novecento a Firenze

Antologia Vieusseux - a

Il Portolano, n
Giuliano Tanturli
Stefano Cartei

Antologia Vieusseux - a
Ada Fichera
Luigi Pirandello

Il Portolano, n
Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea - 01/01/2005 - senza firma
È ancora disagevole, per storici della cultura e critici, connettere romanzi a biografie, scritture a ideologie. Il totalitarismo inoltre, rivisitato non più con gli strumenti delle leggi e dei decreti ma con la poesia, l’arte, la   

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati