Condividi: Di A. M. Ripellino
Angelo Maria Ripellino

Poeta, slavista, critico teatrale, è stato ordinario di Lingua e Letteratura Russa all’Università di Roma. Attraverso la sua vasta opera di saggista e traduttore ha contribuito a delineare un’immagine inedita, e per certi versi sorprendente, della cultura artistica e letteraria dell’Europa Orientale, soprattutto novecentesca, rivalutandone appieno le correnti d’avanguardia. Ha tradotto, tra gli altri, Pasternàk, Blok, Majakovskij, Chlébnikov, Capek, Hasek, Hrabal, Halas. Tra le opere di saggistica ricordiamo: Storia della poesia ceca contemporanea (1950), Majakovskij e il teatro russo d’avanguardia (1959), Il trucco e l’anima (1965), Letteratura come itinerario meraviglioso (1968), Praga magica (1973). Ha inoltre pubblicato raccolte di versi (Poesie, 1990) e un libro di racconti (Storie del bosco boemo, 1975).
I sogni dell’orologiaio
Scritti sulle arti visive...