Condividi: Di Dante Alighieri
Dante Alighieri

Nacque in Firenze nel quartiere di S. Martino da donna Bella, prima moglie di Alighiero di Bellincione ed ebbe al fonte di S. Giovanni il nome di Durante, abbreviato familiarmente in Dante. La stirpe degli Alighieri era un ramo della nobile casa degli Elisei, decaduto e impoverito, tanto da vivere scarsamente delle rendite fondiarie. Ma Dante fu fierissimo della nobiltà del suo sangue, cui più volte accenna nelle sue opere. Fanciullo e giovinetto frequentò, pare, le scuole dei Francescani di Santa Croce, ma la rettorica, e specialmente l’ars dictaminis, più che nella scuola l’apprese dalla familiarità con ser Brunetto Latini, dal quale, per sua testimonianza, imparò pure, cosa assai più importante, “comme l’uom s’eterna”. Amò i classici latini che allora si leggevano nelle scuole: Boezio e Livio, Cicerone e Seneca, Ovidio e Orazio, ma soprattutto Virgilio, suo maestro e suo autore, dal quale derivò “lo bello stile”. Molto si dilettò anche nell’apprendimento della musica e del disegno. Alla poesia volgare si dedicò fin da ragazzo e da sé apprese l’arte “di dire parole per rima” e fu presto in grado di entrare in corrispondenza e in gara con i trovatori del suo tempo, non solo fiorentini: più che con gli altri si legò a Guido Cavalcanti e Lapo Gianni. 
Sotto l’influenza del Guinizelli egli stesso divenne maestro dei suoi amici ed elaboratore della poetica del Dolce Stil Novo. Furono questi studi e questi saggi poetici un aspetto della sua educazione e della sua vita di giovane gentiluomo, che si preparava a prender parte attiva alla vita del Comune. Si esercitò nelle armi, combatté per la patria e per Parte guelfa fra i feditori (truppe a cavallo) a Campaldino e fu presente alla presa del castello di Caprona. Fu tra i gentiluomini deputati dal Comune ad accativarsi la stima e l’amicizia del giovane principe Carlo Martello d’Angiò quando, nel 1294, questi si fermò a lungo a Firenze.
Il padre fin dal 1277 aveva fatto per lui, fanciullo, contratto di nozze con la piccola Gemma, figlia di Manetto Donati; seguirono le nozze celebrate attorno al 1295. Da questo matrimonio, che forse non fu molto felice, nacquero vari figli: Pietro, Jacopo, Antonia e pare anche un Alighiero, un Gabriello, un Eliseo, morti. Ma altri amori ebbe Dante in giovinezza: soprattutto il primo, e più lungamente rivissuto nella memoria e trasfigurato e indiato, ha interesse per noi, perché permea tutta l’opera del poeta: l’amore per Beatrice.
Le opere di Dante
Testi critici a cura di F...
La Divina Commedia
Illustrata da Attilio Raz...
La Divina Commedia
Vedi anche:
La nobiltà di Dante
Umberto Carpi
Dante poeta cristiano
AA.VV.
Il più vero ritratto di D...
Profili di artisti e stud...

Alessandro Parronchi
Il libro del chiodo
Riproduzione in fac-simil...

a cura di Francesca ...
La battaglia
Guelfi e Ghibellini a Cam...

Riccardo Nencini
Animali e cacce nella Div...
Dante falconiere ed etolo...

Giorgio Zauli
Il velo della Gioconda
Leonardo segreto

Renzo Manetti
Il velo della Gioconda
Leonardo segreto

La Politica in Toscana da...
Atti del Convegno (Firenz...

a cura di Gian Carlo...
Domenico di Michelino
Dante, la “Divina Commedi...

Francesco Gurrieri