Presentazione del volume di

MAURIZIA TAZARTES
Il «ghiribizzoso» Pontormo
MAURO PAGLIAI EDITORE


Interverranno

CRISTINA ACIDINI, soprintendente per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico
e per il Polo Museale della città di Firenze
MARCELLO CICCUTO, ordinario di Letteratura italiana all’Università di Pisa

Coordinerà
CLAUDIO DI BENEDETTO, direttore della Biblioteca degli Uffizi

Saranno presenti l’Autrice e l’Editore


Giovedì 15 gennaio 2009 - ore 16
Biblioteca degli Uffizi
Piazzale degli Uffizi, Firenze

 

Jacopo Pontormo (Pontorme 1494 - Firenze 1557) è uno dei più originali e spregiudicati pittori toscani del Cinquecento. “Ghiribizzoso”, nevrotico e solitario lo definisce Vasari, con un giudizio che influenzerà per secoli la valutazione dell’artista. Era davvero così?
Da una sottile indagine nell’opera e nella vita, emerge un maestro scorbutico ma lucido, infaticabile sperimentatore di tecniche e stili, interprete geniale dell’anticlassicismo e della “maniera”. Individualista e capriccioso, ma non misantropo, ha amici tra i maggiori intellettuali del tempo. Vive con parsimonia in una Firenze scossa da lotte politiche, intrighi di corte, liti tra gli artisti ed epidemie di peste.
Lavora per i Medici ma anche per committenti repubblicani, con una tensione febbrile, che lo uccide poco più che sessantenne durante l’esecuzione nella chiesa di San Lorenzo di un grandioso ciclo di affreschi.

Pubblicazioni correlate: